Camera d commercio di Bolzano
Il commercio online in Alto Adige visto da vicino

Il commercio online in Alto Adige

Indagine dell’IRE

L’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano ha analizzato in che misura è cambiato il comportamento d’acquisto degli altoatesini e delle altoatesine, in particolare a causa della pandemia da Covid-19.

I negozi al dettaglio locali sono tuttora il luogo abituale d’acquisto per la maggioranza dei consumatori e delle consumatrici altoatesini. Tuttavia, la tendenza a comprare online è inarrestabile anche in Alto Adige. Nonostante gli altoatesini e le altoatesine siano consapevoli che questo tipo di consumo ha anche ripercussioni negative sull’economia locale e sulla società, non vogliono rinunciare a quelli che, dal loro punto di vista, sono gli evidenti vantaggi in termini di prezzo, raggiungibilità e gamma dei prodotti.

Indagine rappresentativa

Molti studi dimostrano che ogni anno sempre più consumatori e consumatrici fanno acquisti online. Nell’ambito di un’indagine rappresentativa, l’IRE della Camera di commercio di Bolzano nell’autunno del 2021 ha intervistato 700 altoatesini e altoatesine sulle loro abitudini d’acquisto. Dall’indagine è emerso che la maggioranza dei consumatori e delle consumatrici altoatesini continuano ad acquistare nei negozi al dettaglio locali, sebbene con notevoli differenze per settore merceologico. Benché quasi tutti i consumatori in Alto Adige acquistino generi alimentari esclusivamente nei negozi fisici, uno su tre compra prodotti dell’elettronica di consumo, cellulari e computer abitualmente o parzialmente online. Gli shop online dei commercianti altoatesini vengono utilizzati raramente.

Acquirenti online

Il nuovo comportamento d’acquisto

La recente indagine dell’IRE mostra in che misura è cambiato il comportamento d’acquisto degli altoatesini e delle altoatesine, in particolare a causa della pandemia da Covid-19. Nel 2021 oltre la metà dei consumatori e delle consumatrici altoatesini (il 56 percento) ha fatto più o meno spesso acquisti online. La tendenza a lungo termine di acquistare online raggiunge così il suo apice. Se nel 2005 il numero dei consumatori e delle consumatrici era piuttosto modesto e raggiungeva il 13 percento, nel decennio successivo la quota è salita al 27 percento (fonte ASTAT). La rilevazione dell’IRE mostra che la pandemia da Covid-19 ha indotto un’ulteriore forte spinta di non meno di 15 punti percentuali tra il 2020 e il 2021.

Autocritica

Gli altoatesini e le altoatesine guardano al proprio comportamento d’acquisto in modo autocritico, anche perché per loro i prodotti regionali e sostenibili sono molto importanti. Analogamente, tre quarti dei consumatori e delle consumatrici interpellati sono consapevoli che acquistare al di fuori dell’Alto Adige ha un forte impatto sull’economia e sulla società locali e lo considerano per la maggior parte negativamente. Tuttavia, alcuni consumatori pongono l’accento anche su possibili effetti positivi. Secondo la loro opinione, infatti, la concorrenza nel commercio online potrebbe spingere i dettaglianti a migliorare la propria offerta.

Potenziamento dell’offerta

I suggerimenti dei consumatori e delle consumatrici intervistati mostrano in che modo l’offerta potrebbe essere migliorata. Poiché il prezzo è uno dei fattori più rilevanti per gli acquisti, tre quarti degli intervistati altoatesini auspicano prezzi più contenuti. Circa la metà chiede più parcheggi e una riduzione delle tariffe o una migliore accessibilità ai negozi, così come una più ampia gamma di prodotti. I consumatori e le consumatrici più giovani, in particolare, vorrebbero un’offerta online più ampia da parte dei rivenditori locali.

Il comportamento d’acquisto è cambiato notevolmente negli ultimi anni.

Restare competitivi a lungo termine

Anche se la spesa dei turisti riveste un ruolo importante per il commercio al dettaglio altoatesino, l’opinione dei consumatori e delle consumatrici altoatesini è naturalmente essenziale per la progettazione e il miglioramento futuro dell’offerta. La tendenza ad acquistare online non si arresta e la pandemia da Covid-19 ha dato un’ulteriore spinta significativa e probabilmente anche duratura in tal senso. Questo sviluppo sta diventando sempre più una sfida da affrontare per i commercianti altoatesini che vogliono rimanere competitivi in futuro.

L’analisi flash dell’IRE “Il commercio al dettaglio altoatesino e la pandemia di Covid-19 – la prospettiva dei consumatori e delle consumatrici” può essere scaricata online.

Misure per rafforzare il commercio al dettaglio altoatesino

  • Sottolineare i punti di forza del commercio tradizionale
    Rinunciare alla concorrenza dei prezzi e sottolineare i punti di forza rispetto al commercio online e agli acquisti effettuati al di fuori dell’Alto Adige.
  • Rendere i commercianti più preparati al digitale
    Sempre più consumatori di tutte le fasce d’età preferiscono le proposte digitali. Un proprio shop online potrebbe essere un ampliamento interessante dell’offerta, laddove risulti sensato e realizzabile.
  • Combinare i vantaggi di entrambi i mondi
    La combinazione tra commercio tradizionale e proposte digitali potrebbe rivelarsi un’opportunità per il commercio al dettaglio altoatesino. I consumatori vorrebbero sfruttare i vantaggi di entrambi i mondi (tradizionale e online).
  • Promuovere paesi e città
    I decisori devono essere consapevoli che i paesi e le città in Alto Adige possono garantire l’insediamento futuro non solo di giovani famiglie ma anche di imprese, in modo tale da creare posti di lavoro e valore aggiunto.
  • Migliorare l’accessibilità
    Bisogna abbassare ulteriormente la soglia di accessibilità dei negozi tradizionali, per esempio tramite un collegamento migliore dei mezzi pubblici, con più parcheggi direttamente in loco o una riduzione delle tariffe per il parcheggio. Inoltre, vi è la necessità di predisporre linee guida chiare per il commercio online.
  • Aumentare la consapevolezza degli effetti che ha il comportamento del consumatore
    È opportuno informare ulteriormente i consumatori delle conseguenze che provocano gli acquisti al di fuori dell’Alto Adige. La mancanza dei servizi di prossimità provocherebbe ripercussioni gravi sulle città e sui paesi.
  • Garantire la concorrenza leale
    È necessaria una regolamentazione nazionale e internazionale che garantisca le medesime condizioni di concorrenza sia per i grandi fornitori online sia per i commercianti al dettaglio locali.

Anche questo potrebbe interessarti

L’intelligenza artificiale apre molte nuove opportunità per le aziende.
Uno strumento tecnologico chiave

Intelligenza artificiale

Martin Martinelli
In cantiere con gli occhiali intelligenti

Mader

I candidati e le candidate hanno una prima impressione positiva dell’azienda se quest’ultima predispone un sito dedicato alla ricerca del personale in modo professionale.
Presentare l'azienda in modo professionale

Pagina internet dedicata alla ricerca del personale

Contatto

IRE - Istituto di ricerca economica

0471 945 708