Camera d commercio di Bolzano

Diritti dei consumatori

Vigono normative specifiche per la vendita ai consumatori?

La legge prevede delle normative particolarmente restrittive per le operazioni effettuate con consumatori. Il riferimento principale è la direttiva europea sulla vendita di beni di consumo, recepita in Italia dapprima con l’articolo 1519bis e segg. del codice civile (c.c.) e poi regolamentata nel 2005 con il Codice del Consumo.

Le disposizioni sui diritti dei consumatori vanno applicate solamente qualora venga stipulato un contratto tra un consumatore e un professionista.

Il “consumatore” è una persona fisica che stipula un contratto per finalità non attribuibili alla sua attività imprenditoriale o professionale.

Un “professionista” è una persona fisica o giuridica che agisce nell’esercizio della propria attività imprenditoriale o professionale.

Esempio: Il signor Mayr, che lavora come consulente fiscale, compra un tavolo. Se usa il tavolo per il suo alloggio privato, si applica il diritto dei consumatori; se invece usa il tavolo come scrivania per la sua attività professionale, si applica il diritto civile generale.

Per contratti misti vale la regola: in caso di dubbio si tratta sempre di un consumatore!

Perché è importante sapere se vendo

  • a un consumatore = Business to consumer = B2C oppure
  • a un altro professionista = Business to business = B2B?

Perché il diritto sulla tutela dei consumatori prevede numerose norme aggiuntive che sono vincolanti e quindi non modificabili contrattualmente. Esse riguardano ad esempio l’informazione minima da fornire, le cosiddette clausole vessatorie, la stipula del contratto, l’esecuzione del contratto, il diritto di recesso, la garanzia legale e la risoluzione di controversie.

Nascondi da menu: 
Testo destra: 

Contatto

E-Commerce

tel. 0471 945531
digital@camcom.bz.it