Camera d commercio di Bolzano

Barometro dell'economia - Servizi e trasporti

Data evento: 
Martedì, 04 Dicembre 2018

Barometro dell'economia - Servizi e trasporti

Clima di fiducia si mantiene positivo - aspettative per il 2019 buone

LKW-Fahrer

La redditività conseguita nel 2018 è considerata soddisfacente dall’87 percento delle imprese nei settori dei servizi e dei trasporti. Ciò emerge dall’edizione autunnale del Barometro dell’economia dell’IRE – Istituto di ricerca economica della Camera di commercio di Bolzano. In entrambi i casi si registra un peggioramento rispetto allo scorso anno, ma il clima di fiducia si mantiene positivo e le aspettative per il 2019 sono generalmente buone. Si riscontrano tuttavia difficoltà in alcuni comparti, in particolare per quanto riguarda il trasporto merci, i servizi alla persona e le attività di editoria e comunicazione.

Il clima di fiducia nel settore dei servizi ha registrato un calo rispetto allo scorso anno, ma rimane su livelli piuttosto buoni: l’87 percento delle imprese conta infatti di chiudere il 2018 con un risultato economico soddisfacente. Per il futuro si prevede un miglioramento, con il 94 percento delle imprese che confidano in una redditività soddisfacente nel 2019.

Redditività nel settore dei servizi

Anche quest’anno la dinamica dei fatturati è stata positiva, spinta dalla crescita della domanda provinciale e nazionale. Ciò ha permesso un leggero miglioramento della situazione competitiva delle imprese, nonostante l’incremento dei costi. Le condizioni di accesso al credito sono considerate stabili rispetto allo scorso anno. Il volume degli investimenti è aumentato nel comparto informatico e in quello creditizio, mentre vi è stato un calo nelle altre branche dei servizi. In tutti i comparti sono comunque aumentati gli investimenti in macchinari e apparecchiature, che ancora per quest’anno hanno beneficiato degli incentivi fiscali statali. Per il 2019 gli imprenditori e le imprenditrici prevedono un ulteriore crescita dei fatturati e prezzi alla clientela in ascesa, nonché un leggero incremento dell’occupazione.

Redditività per branca - Servizi

Analizzando le singole branche dei servizi, il miglior clima di fiducia si riscontra tra gli operatori del comparto bancario e dei “servizi alle imprese”: in entrambi i casi oltre il 95 percento delle imprese valutano positivamente la redditività conseguita nel 2018 e guardano con fiducia al 2019. In particolare, le banche segnalano significativi aumenti dei depositi e del volume creditizio e un miglioramento della solvibilità dei clienti. Vi sono invece difficoltà per il comparto dei servizi alla persona e per le attività di editoria e comunicazione.

Anche nel settore dei trasporti la quota di imprese soddisfatte della redditività conseguita nel 2018 è pari al’87 percento, in calo rispetto allo scorso anno dopo un quinquennio in costante ascesa. È però necessario distinguere tra il trasporto passeggeri e quello merci. Nel primo caso il clima di fiducia è decisamente buono, con il 94 percento delle imprese che valutano positivamente la redditività nel 2018 e aspettative unanimemente ottimistiche per il 2019. Il fatturato risulta in crescita, anche grazie al buon andamento del turismo e l’aumento dei prezzi che ha permesso di compensare i maggiori costi, dovuti tra l’altro al rincaro dei carburanti.

Redditività nel settore dei trasporti

Vi è invece minore soddisfazione nel comparto merci e logistica, dove quasi un quinto degli operatori lamenta una redditività insufficiente nonostante il generale aumento del volume d’affari. Ciò è in parte dovuto alle minori possibilità di traslare sul prezzo del servizio l’incremento dei costi di esercizio. Inoltre incidono negativamente sulla fiducia degli operatori anche l’improvvisa frenata dell’economia italiana nel terzo trimestre e l’inasprimento delle misure di contingentamento del traffico pesante in Austria. Per il 2019 non si prevedono miglioramenti significativi della redditività.

Redditività per branca - Trasporti

Il Presidente della Camera di commercio, Michl Ebner, ribadisce l’importanza che la Galleria di Base del Brennero riveste per l’Alto Adige: “La realizzazione di questa infrastruttura è fondamentale per migliorare la sostenibilità ambientale e decongestionare l’autostrada. Occorrono progetti e soluzioni a lungo termine affinché il comparto dei trasporti non venga ulteriormente penalizzato da misure di limitazione del traffico.”

Nota metodologica
Ai fini del barometro dell’economia dell’IRE, il settore dei servizi comprende le seguenti branche: editoria e comunicazione, informatica, credito e assicurazioni, attività immobiliari, servizi alle persone e servizi alle imprese. Sono esclusi il commercio e gli alberghi e ristoranti. Il comparto dei trasporti viene analizzato separatamente.
Per informazioni è possibile rivolgersi all’IRE, persone di riferimento Nicola Riz, Tel 0471 945 721, e-mail: nicola.riz@camcom.bz.it e Luciano Partacini, tel. 0471 945 700, e-mail: luciano.partacini@camcom.bz.it.

Seguono gli statement dei rappresentanti delle associazioni di categoria
Heini Grandi, Presidente di Legacoopbund
“Le difficoltà riscontrate nel comparto dei servizi alla persona segnalano un forte bisogno di rinnovamento in questo settore: una concorrenza sempre più agguerrita, a scapito spesso anche della qualità dei servizi offerti, pone in difficoltà le imprese e cooperative di questo settore. È importante creare le giuste condizioni affinché le organizzazioni private siano in grado di integrare al meglio i servizi degli enti pubblici.”

Barbara Jäger, Presidente dei prestatori di servizi nell’Unione
“Nonostante un leggero peggioramento nel settore, i servizi orientati alle imprese presentano il miglior clima di fiducia. Come dimostra chiaramente lo studio IRE sui prestatori di servizi, in Alto Adige cresce il fabbisogno di personale altamente qualificato. Di qui la necessità di formare sufficienti collaboratori qualificati. In questo senso è di particolare soddisfazione la recente introduzione in Alto Adige di un percorso formativo nel settore IT.”

Elmar Morandell, Presidente dei trasportatori di merci lvh.apa
“Per quanto riguarda i trasportatori di merci, vi sono due grandi difficoltà: da un lato le imprese di trasporto italiane devono fare i conti con i costi aziendali più elevati d’Europa, dall’altro gli operatori del settore patiscono la concorrenza a basso prezzo proveniente dall’est. In molti non sono più in grado di coprire le spese. Tutto ciò rende difficile uno sviluppo positivo del nostro settore.”

Roger Hopfinger, Presidente Sezione Trasporti di Assoimprenditori Alto Adige
“Le limitazioni al traffico pesante in Tirolo hanno sicuramente ricadute negative sull’economia come segnalano gli operatori. I divieti non aiutano, ma bisogna piuttosto puntare su soluzioni innovative che favoriscano un trasporto “sostenibile” di persone e merci. Per questo sono indispensabili infrastrutture moderne ed efficienti, quali il tunnel di base del Brennero e investimenti nelle reti ferroviarie, stradali ma anche di trasferimento dati”.